Vai al contenuto

Talent Management

Roma
17 Aprile 2024
15:00 - 17:00

Il tema dell’attrazione, dello sviluppo e della valorizzazione dei talenti è da tempo al centro dell’attenzione delle imprese e della pubblica amministrazione. Il Rapporto 2024 di COTEC – Fondazione per l’Innovazione si focalizza sulla sfida comune del reclutare e del trattenere, sia nel settore pubblico che privato, figure professionali non solo altamente qualificate, ma anche dotate di rilevanti qualità personali (soft skills) e di un livello culturale medio-alto.

L’analisi, realizzata in collaborazione con il Centro Studi Tagliacarne – Unioncamere, si concentra sui giovani italiani che hanno conseguito un titolo di laurea, una scelta da cui emerge una prima criticità: l’Italia presenta un livello di istruzione terziaria dei giovani tra i più bassi d’Europa, circa il 28%, contro una media UE del 41%.

La fuga dei cervelli italiani verso l’estero, in particolare altri paesi UE, è un altro problema significativo: Regno Unito, Germania, Svizzera e Francia sono, nell’ordine, le nazioni verso le quali si trasferisce la maggior parte dei talenti italiani. I giovani laureati rappresentano un fattore fondamentale per l’innovazione e lo sviluppo del nostro Paese, e per tale ragione appare utile interrogarsi su come valorizzarli e, possibilmente, trattenerli nelle nostre imprese e nelle nostre pubbliche amministrazioni, a partire da una serie di questioni: è possibile invertire il trend della fuga dei talenti? In cosa dovrebbero investire le organizzazioni private e pubbliche per contingentare il problema? Mismatch tra domanda e offerta: quali soluzioni propongono le imprese e il sistema dell’istruzione? Quick Quitting, come evitare le dimissioni volontarie del dipendente?

Ne abbiamo parlato il 17 aprile 2024, all’IQOS Embassy di Roma, durante l’evento Talent Management – Una sfida per le imprese e la pubblica amministrazione, che ha visto la partecipazione di importanti aziende, quali Leonardo, Philip Morris, Almaviva, Ferrovie dello Stato e Sisal, in dialogo con rappresentanti di importanti università italiane come l’Università di Padova e la LUISS Guido Carli.


Risorse

Rimani aggiornato
con la nostra newsletter

Ricevi gli ultimi aggiornamenti e approfondimenti dalla nostra Fondazione.

Facendo clic su Iscriviti, confermi di essere d'accordo con i nostri Termini e Condizioni.