Un Re, due presidenti della Repubblica, per tacer di Tajani, che comunque è il vicepresidente dell’Unione europea, mica bruscolini. Una concentrazione di potenti così, a Genova, non si vedeva da più di dieci anni, dai giorni terribili del G8.

Se si muovono caibri così grossi – Giorgio Napolitano, re Juan Carlos, il presidente portoghese Anibal Cavaco Silva – l’appuntamento è importante: dal punto di vista dei bimbi della Daneo, che vedono passare tutti questi settantenni/ottantenni (in sala anche qualcuno lanciato verso i novanta) potrebbe sembrare stupefacente che tanti anziani parlino di innovazione tecnologica, ricerca, competitività.

pdfsmall clicca qui per leggere l’intero articolo