Al via il Progetto “I Choose Technology (ICT)”
Camera di Commercio di Bari, mercoledì 20 novembre 2013

La Camera di Commercio di Bari ha concepito un’iniziativa progettuale pilota per la diffusione di innovazioni ICT fra le imprese del territorio delle province di Bari e di Barletta-Andria-Trani.
La presentazione dell’iniziativa avverrà il prossimo 20 novembre 2013 presso la Camera di Commercio di Bari.
Il Presidente Ambrosi ci spiega i contenuti e le motivazioni strategiche del progetto e i benefici per le imprese.

Come nasce il progetto ICT?

Il progetto ICT si inserisce pienamente nella strategia della Camera di Commercio di Bari, tesa ad accrescere la gamma di servizi offerti alle imprese, con particolare attenzione a quelli nel campo dell’innovazione, in primo luogo di tipo tecnologico, e a potenziare le interazioni fra imprese e strutture di Ricerca & Innovazione.
Coerentemente con questa impostazione ci siamo preoccupati dei ritardi di molte delle nostre imprese, in particolare di quelle manifatturiere, sul piano della “digitilizzazione” dei loro processi, situazione peraltro comune alla maggior parte delle PMI italiane, e delle possibilità di elevare il livello di innovatività delle applicazioni di tecnologie digitali offerte dalle imprese del territorio che operano nel settore dell’Informatica & Telecomunicazioni.
Solo con il diffuso, utilizzo da parte delle nostre imprese, di avanzate tecnologie ICT si potrà assicurare loro una competitività e una capacità di innovazione adeguate al contesto sempre più globalizzato in cui vengono ad operare.

Quali sono gli obiettivi del Progetto ICT e come vengono perseguiti?

In base alle precedenti considerazioni il Progetto ICT è stato concepito per costruire e sperimentare un modello di intervento focalizzato sia sul versante delle imprese per promuovere l’utilizzo di avanzate applicazioni delle ICT
sia sul versante delle imprese che offrono prodotti e servizi ICT, per elevare il loro livello di prestazioni attraverso l’utilizzo di innovativi risultati di ricerca realizzati da strutture tecnico- scientifiche del territorio (università, centri di ricerca, spin-off, accademici).
Per una efficace realizzazione del Progetto la Camera di Commercio di Bari si avvale della collaborazione tecnica di COTEC – Fondazione per l’Innovazione Tecnologica, che metterà a disposizione qualificate competenze nel campo del trasferimento tecnologico dalla ricerca alle imprese e della diffusione dell’innovazione nel sistema produttivo.

Quali benefici ottengono le imprese del territorio?

Le imprese manifatturiere del campione su cui verrà sperimentato il modello di intervento, in primo luogo, riceveranno una accurata valutazione del livello tecnologico delle soluzioni ICT attualmente utilizzate e indicazioni puntuali su come migliorarle per una maggiore efficienza e competitività.
In secondo luogo, il loro personale verrà aggiornato sul piano della capacità di progettare a gestire innovazione delle tecnologie ICT.
Le imprese del settore ICT oltre ad accrescere il livello di competenza del proprio personale tecnico, potranno realizzare innovazioni nella propria offerta di servizi e prodotti, risultando così più competitive sul mercato.
Più in generale, si avvierà un circuito virtuoso di collaborazione a fini di innovazione fra imprese end user di tecnologie ICT, imprese fornitrici di tali tecnologie, strutture tecnico-scientifiche, che potrà continuare dopo la fine del Progetto e ampliare i beneficiari della nostra iniziativa.
Proprio a questo fine a conclusione del Progetto è previsto l’organizzazione di un evento che abbiamo chiamato di brockeraggio, in cui operatori di tali settori potranno incontrarsi nella sede della Camera di Commercio di Bari, scambiandosi informazioni sulle proprie esigenze, da un lato, e sulle opportunità, dall’altro, e quindi valutare la possibilità di collaborazioni.

Così il progetto ICT non rimarrà un intervento isolato?

Certamente no, perché intendiamo estendere a tutto il sistema imprenditoriale del territorio le azioni sperimentate del progetto. Ci aspettiamo a questo fine il contributo e la collaborazione di tutti i soggetti, in primo luogo gli organi di governo pubblico, che operano per lo sviluppo del sistema produttivo e scientifico.

pdfsmall clicca qui per scaricare l’articolo