<<Questo Paese deve tornare a fare politica industriale come in passato>>. E’ l’appello del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, lanciato nel corso di un incontro a Genova con una delegazione sindacale di Fincantieri. Al termine dell’incontro avuto in Prefettura, il capo dello Stato ha voluto personalmente stringere la mano ai tanti operai che lo attendevano. <<Farò il possibile per aiutarvi – ha detto loro – condivido le vostre preoccupazioni>>. <<Presidente vogliamo lavoro, ci dia una mano>>, hanno ripetuto gli operai a Napolitano. A quel punto il capo dello Stato si è avvicinato e ha cominciato a stringere le mani rassicurandoli: <<Farò quanto è in mio potere per dare continuità di lavoro allo stabilimento di Sestri>>. Un operaio ha fatto il gesto di donargli un adesivo su cui era scritto: <<Fincantieri non si tocca, si difende con la lotta>>. Napolitano ha preso l’adesivo e ha stretto la mano al lavoratore. Poi si è trasferito a Palazzo della Meridiana, sede del simposio Cotec a cui partecipava, tra gli altri, il re Juan Carlos di Spagna.